Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations mauelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
   Cartes de neige
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2013


08/02/2013


Precipitazioni di neve pallottolare sull'Appennino Centrale

Le precipitazioni nevose della mattina del 6 febbraio 2013 sull'Appennino Centrale, Lazio e Abruzzo in particolare, hanno registrato episodi di rovesci di neve pallottolare (o neve arrotondata) che localmente hanno assunto caratteristiche di notevole intensità. In fotografia (foto 1) è rappresentata la situazione al termine della precipitazione alle ore 17,00 nella Valle di Forca d'Acero, sulla "Serra Traversa", a 1800 m. di quota, in comune di San Donato Val di Comino (FR). Il rilievo meteonivometrico della mattina del giorno 7 febbraio presso il campetto di rilevamento di Forca d'Acero (LB07), posto a 1480 m. di quota in Comune di Opi (AQ), ha consentito di rilevare in modo più preciso la situazione. In fotografia (foto 2) si vede lo strato di circa 5 cm (a partire dalla tavoletta) di neve pallottolare posta su una sottile crosta da rigelo e seppellita da 10 cm. di neve fresca piuttosto leggera (80 kg/m3) caduta nel corso della notte. Attualmente (8 febbraio) lo strato di neve pallottolare, a causa delle nuove precipitazioni, è sepolto da circa 25 cm. di neve fresca asciutta di densità compresa fra gli 80 e i 90 kg/m3. Strati sepolti di neve pallottolare come quello descritto costituiscono uno strato debole all'interno del manto nevoso e sono potenziale causa di distacco per una valanga.
Immagine  news
Immagine  news