Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES
italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations mauelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
   Cartes de neige
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   L’ échelle européenne du risque
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Novembre - 2016


28/11/2016


Iniziati i rilievi itineranti sulle alpi piemontesi

Al termine delle copiose nevicate che hanno interessato le alpi piemontesi, sono iniziate le attività di rilievo del manto nevoso. Le squadre di esperti neve e valanghe del Corpo Forestale dello Stato hanno eseguito delle stratigrafie speditive per verificare le caratteristiche del manto nevoso e della situazione valanghiva ad alta quota. Tra i 1700 metri e i 2200 metri di quota il manto nevoso si presenta umidificato, mentre al di sopra dei 2200 metri la neve recente, con spessori ben superiori al metro, si stà rapidamente assestando. Sono però presenti, soprattutto in prossimità delle creste, lastroni soffici da vento, spesso ricoperti dalla neve caduta nelle ultime ore di venerdì 25; è necessario pertanto prestare la massima attenzione perchè è difficile individuare la presenza dei lastroni, che possono essere ancora instabili. Anche l'intensa attività valanghiva spontanea è spesso ricoperta da neve più recente, il che fa dedurre che la maggior parte delle valanghe sia caduta prima del termine delle precipitazioni nevose. I risultati delle prove stratigrafiche sono consultabili sul sito http://www.avalanches.org
Immagine  news
Immagine  news