Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations mauelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   Situations avalancheuses typiques
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Documentation EAWS
   Documentation ISSW
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2018


16/02/2018


PIEMONTE - VAL PELLICE - MUORE SCIALPINISTA TRAVOLTO DA UNA VALANGA.

Uno scialpinista di 41 anni è morto lunedì 12 febbraio 2018 travolto da una valanga. Il corpo è stato recuperato dall'eliambulanza del 118. Sul posto anche una squadra di esperti neve e valanghe del Servizio Meteomont dei Carabinieri che hanno ricostruito la dinamica dei fatti. Lo sfortunato scilpinista stava risalendo il crinale esposto a nord che porta alla Punta Piattina (1937 mt.), in alta Val d'Angrogna, dove le ultime giornate ventose avevano scoperto i vecchi accumuli da vento molto duri, compattando la neve dell'ultima nevicata in corrispondenza del cambio di esposizione del crinale e generando un lastrone più soffice sul versante esposto a est. Sollecitato sul cambio di esposizione, il nuovo lastrone ha ceduto proprio in corrispondenza di una vecchia cornice mascherata dal nuovo lastrone. La frattura si è propagata per una settantina di metri facendo scivolare tutta la neve recente sul vecchio lastrone molto compatto. Lo scialpinista è precipitato per oltre 300 metri e non ha avuto scampo.
Immagine  news
Immagine  news