Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations mauelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
   Cartes de neige
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2019


08/02/2019


CICLONE MEDITERRANEO VAIA. RICOGNIZIONI AEREE DI ESPERTI METEOMONT - ARPAV PER MONITORARE IL NUOVO PERICOLO VALANGHE NELLE VASTE AREE BOSCATE DEL BELLUNESE SCHIANTATE DAI VENTI.

Le nevicate del fine settimana scorso hanno comportato l'emanazione della prima Allerta Arancione da parte del CFD della Protezione Civile Regionale, con particolare rilievo per le nuove aree a rischio valanghivo createsi nelle zone boschive schiantate dagli eventi meteorici di fine ottobre 2018, conosciuti come Ciclone Mediterraneo VAIA. Tali aree sono oggetto di un programma di monitoraggio del Rischio Valanghivo predisposto dai tecnici ARPA del Centro Valanghe di Arabba in collaborazione con il METEOMONT CARABINIERI che hanno effettuato delle ricognizioni aeree in collaborazione il Nucleo Elicotteri dei Carabinieri di Belluno. Sono state individuate 86 zone a rischio, in 20 comuni tra le provincie di Belluno e di Asiago, di cui 50 sono state inserite in una prima fase di monitoraggio che è entrato in funzione proprio durante le nevicate del fine settimana 1-3 febbraio u.s. Il sorvolo di tali zone tramite volo di elicottero diventa uno strumento essenziale al fine di migliorare le operazioni monitoraggio su queste 50 aree di prima fase e pianificare le operazioni per le ulteriori 36 aree oggetto della seconda fase. L'impegno dell'Arma dei Carabinieri tramite i militari costantemente sul territorio e le sue articolazioni specializzate quali il Nucleo Elicotteri e il Servizio Meteomont, va ad agire in sinergia con le strutture della Regione Veneto quali ARPA Centro Valanghe di Arabba e con i volontari del Soccorso Alpino, per aumentare la sicurezza dei cittadini e fornire agli organi di protezione civile i supporti decisionali necessari alla tutela della popolazione, del territorio e delle infrastrutture.-
Immagine  news
Immagine  news