Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations manuelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   Situations avalancheuses typiques
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Documentation EAWS
   Documentation ISSW
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Archives News
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2020


21/02/2020


RILIEVI IN ALTA QUOTA SULLA MAIELLA

Nonostante le scarsissime precipitazioni nevose di quest'inverno, sul massiccio della Maiella la stagione scialpinistica è in atto. Nella giornata del 21 febbraio 2020 in località Fondo Maiella, a quota 2513 mt sul versante occidentale della montagna, una pattuglia di Carabinieri Forestali del Meteomont ha effettuato una stratigrafia completa , constatando che il manto nevoso, ben consolidato, è continuo e sufficiente per l'utilizzo dell'attrezzatura scialpinistica dai 1700 metri di quota. L'insidia maggiore è rappresentata dalla persistenza di zone ghiacciate che richiedono preparazione ed utilizzo di attrezzatura tecnica. I Carabinieri Forestali hanno riscontrato una notevole presenza di scialpinisti, provenienti da tutta l'Italia.
Immagine  news
Immagine  news


 

05/02/2020


INTENSA ATTIVITA' EOLICA - SETTORE LOMBARDO

Venti tempestosi e raffiche fino a 120 km/h sopra i 2000 metri hanno caratterizzato la giornata di ieri e di oggi, 5 Febbraio 2020. In quota l'attività eolica ha fortemente rimaneggiato il manto nevoso aumentando le dimensioni di lastroni, accumuli e cornici ed eroso ampie zone. I nuovi lastroni saranno facilmente sollecitabili e potranno causare valanghe di medie dimensioni sui settori alpini. La scarsa visibilità e le forti raffiche di vento, unitamente all'abbassamento delle temperature, limiteranno la sicurezza nella pratica delle attività outdoor.
Immagine  news
Immagine  news


 

05/02/2020


SETTORE VENETO - INTENSA ATTIVITA' EOLICA SU DOLOMITI E PREALPI.-

Venti tempestosi e raffiche oltre i 100 km/h non solo in quota ma anche nelle valli hanno caratterizzato la giornata di ieri nel Veneto. Questi venti tempestosi (A M.te Tognola si è registrata una punta massima di 170km/h) hanno causato interruzioni nei servizi di trasporto a fune e l'abbattimento di diverse piante. L'attività eolica ha rimaneggiato il manto nevoso con nuovi lastroni che saranno sollecitabili anche con debole sovraccarico. Si consiglia pertanto di leggere il bollettino valanghe, di predisporre gli itinerari con oculatezza e di valutare con attenzione tutti i pendii che si andranno ad affrontare durante le escursioni.-