Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe
   
Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations mauelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
   Cartes de neige
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Documentation EAWS
   Documentation ISSW
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Luglio - 2019


16/07/2019


NEVICATE ESTIVE SULL'ARCO ALPINO OCCIDENTALE.

Neve di luglio sulle testate delle vallate dell'arco alpino occidentale. Una "goccia fredda", cioè una piccola depressione accompagnata da aria fredda, ha portato abbondanti precipitazioni su tutto l'arco alpino occidentale nella notte tra il 14 e il 15 luglio. Tali precipitazioni, in particolare tra cuneese e torinese, sono risultate nevose oltre i 2200-2500m, apportando fino a 15-20cm a 2700m. Spazzaneve in funzione sui valichi alpini più alti, ma il manto nevoso depositato è destinato a rapida fusione già nelle prossime 24-48h. Nell'immagine, l'innevamento al tramonto ripreso dal Colle dell'Agnello, in alta valle Varaita (CN)
Immagine  news
 


 

15/07/2019


LOMBARDIA - ALPI RETICHE: TORNA IL FREDDO E LA NEVE IN ALTA QUOTA.

Su tutte le Alpi Retiche, nell'ultimo periodo di caldo estivo, con temperature decisamente sopra la media, tutta la neve stagionale è stata sciolta fino a 2800-3000 metri di quota. Da alcuni giorni invece l'estate sembra essere finita e con l'arrivo di nuove precipitazioni, prevalentemente a carattere di rovescio temporale, associate ad un brusco calo delle temperature, è ritornata la neve, anche se pochi centimetri, sopra i 2800 metri. In alta quota, sopra i 3000 metri, permane una copertura nevosa solo sui ghiacciai, che comporta la necessità comunque di una valutazione strettamente locale del grado di pericolo valanghe. Foto 1: Rifugio Marinelli Mt. 2813 (SO) Foto 2: Cime di Redasco mt. 3139 (SO).
Immagine  news
Immagine  news