Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Videogallery
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2013


23/04/2013


IL SIRENTE (AQ) DAL VERSANTE ESPOSTO A NORD-EST

Il periodo primaverile si presta alle escursioni sci-alpinistiche. Il comprensorio montano del Sirente una delle tante mete oggetto degli escursionisti che frequentano l'Appennino centrale. La neve ancora presente nel bosco al di sopra dei 1500 m di quota dove l'altezza del manto di circa 40-50 cm; con il salire della quota la neve al suolo aumenta di spessore e gi intorno ai 1700 m la copertura nevosa raggiunge il metro di altezza. I versanti al di sopra del limite boschivo sono abbondantemente coperti di neve (Foto 1) dove si notano i segni di piccole valanghe spontanee; la neve ben consolidata ma solo nelle prime ore del mattino mentre nelle ore centrali della giornata il manto tende ad indebolirsi. Il riscaldamento diurno favorisce gli scaricamenti spontanei e l'indebolimento delle cornici presenti su buona parte delle creste (Foto 2).
Immagine  news
Immagine  news