Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Videogallery
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Maggio - 2013


24/05/2013


NEVICATE SU ARCO ALPINO E APPENNINO SETTENTRIONALE

Registrate nevicate da deboli a moderate sull'Arco Alpino centro-orientale e sull'Appennino settentrionale. In Lombardia le nevicate hanno interessato i rilievi a nord della regione intorno ai 2000 metri di quota; sul Passo dello Stelvio (SO) a 2760 m s.l.m. si sono depositati al suolo 30 cm di neve fresca asciutta a debole coesione. In Veneto nella provincia di Belluno sono stati registrati 15 cm di neve fresca intorno ai 1500 m di quota. Le precipitazioni nevose interessano anche il Friuli Venezia Giulia. Sull'Appennino sono state segnalate nevicate deboli, localmente moderate, al di sopra dei 1500 m, in Emilia, sulle Alpi Apuane e Liguri e nelle Marche sui Monti Sibillini. La perturbazione associata a venti da moderati a forti. L'attuale situazione soprattutto nelle zone alpine dove sono ancora presenti importanti spessori nevosi potrebbe dar luogo a nuovi fenomeni valanghivi spontanei e ad un innalzamento del pericolo valanghe.
Immagine  news
Immagine  news