Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Marzo - 2016


06/03/2016


LIGURIA - GALAVERNA E GELICIDIO SUL MONTE GALERO (SV)

L'intensa perturbazione che ha interessato la Liguria tra venerdì 4 e sabato 5 marzo è stata caratterizzata da forti piogge ed un'altrettanta intensa attività eolica. Il successivo brusco abbassamento delle temperature ed una notte serena ha fatto in modo che nella giornata di domenica, al di sopra dei 700 m di quota, la vegetazione sia stata interessata da fenomeni di galaverna e gelicidio (Foto 1). Sul crinale nord-est del Monte Galero, intorno ai 1600 m di quota, è presente un manto nevoso mediamente di 50 cm. Particolare attenzione va prestata nei versanti esposti maggiormente al sole ed ai venti, dove sono presenti scivolose croste portanti da vento e da fusione e rigelo per le quali si consiglia l'uso di ramponi e piccozze. Anche a quote inferiori, all'interno della bella faggeta che porta al Colle San Bernardo, non mancano le insidie. Lo strato superficiale del manto nevoso è formato da una spessa crosta portante che nasconde uno strato importante di neve formata da grani completamente privi di coesione tra loro (Foto 2).
Immagine  news
Immagine  news