Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Videogallery
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2016


23/04/2016


MARCATO PERICOLO VALANGHE

Facendo seguito ai recenti incidenti in valanga, si richiama l'attenzione di tutti coloro che frequentano le alte quote ancora innevate, al di fuori delle aree controllate, in merito alla presenza in questo periodo di condizioni di marcata instabilitÓ del manto nevoso. La situazione in atto tipica di pericolo e' quella della primavera inoltrata, con neve bagnata , manto nevoso che si umidifica velocemente nel corso della giornata e fin dalle prime ore della giornata. In questo periodo il sicuro ed il pericoloso sono tra loro molto vicini sia nello spazio che nel tempo. Le uscite vanno iniziate al primissimo mattino e concluse precocemente. Richiesta attenta valutazione temporale e spaziale dei punti pi¨ critici. Il grado di pericolo passa da debole 1 nella notte a marcato 3 nelle prime ore calde della mattina. La mancanza di irraggiamento notturno per presenza di nuvole determina aumento del pericolo anche nella notte.
Immagine  news
Immagine  news