Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Novembre - 2016


28/11/2016


LIGURIA - LA STAZIONE SCIISTICA DI MONESI (IM) ISOLATA A CAUSA DI FRANE E SMOTTAMENTI

Già dal 22 novembre il Servizio Meteorologico dell'Aeronautica militare aveva emesso un avviso di fenomeni intensi "molto forte" su tutta la Liguria per il giorno successivo; anche la Protezione Civile della regione Liguria aveva emesso il 23 novembre un'allerta idrogeologica/idraulica di livello rosso sui settori centro-occidentali. Tra il 23 ed il 24 novembre le precipitazioni attese sono arrivate ed hanno avuto carattere di eccezionalità, provocando numerose frane, smottamenti ed esondazioni dei corsi d'acqua in buona parte del territorio delle province di Imperia e Savona causando danni e disagi. Nell'entroterra imperiese, nella zona del Monte Saccarello, la cima più alta della Liguria con i suoi 2200 m, ci sono stati diversi crolli lungo la strada che collega San Bernardo di Mendatica a Monesi di Triora che hanno interessato varie frazioni abitate, con danni ingenti alle costruzioni; l'interruzione della viabilità impedisce di raggiungere l'importante stazione sciistica di Monesi, al momento ancora chiusa per mancanza di neve, che è punto di riferimento per gli appassionati di sci alpino di tutta la Liguria di ponente e buona parte del Savonese. A Monesi inoltre si trova un campo Metemont di rilevamento dati meteo-nivometrico manuale. Anche lungo la strada che prosegue da Monesi verso il Piemonte, nella provincia di Cuneo, in direzione Piaggia, Valcona e Upega, ci sono stati dei crolli con interruzione della viabilità. Frane e smottamenti si sono verificati anche a quote alte e i corsi d'acqua, ingrossati dalle eccezionali precipitazioni, hanno trascinato a valle molti metri cubi di materiale detritico. L'attività escursionistica in queste zone è fortemente limitata per via delle incerte condizioni dei versanti e il pericolo di ulteriori cedimenti o crolli di rocce e sassi. Si raccomanda la massima prudenza e di contattare le autorità competenti per conoscere lo stato della viabilità e le zone interdette in attesa di verifiche sulla stabilità.
Immagine  news
Immagine  news