Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2018


14/04/2018


ATTIVITA' VALANGHIVA SULL'ARCO ALPINO OCCIDENTALE

Nel corso dell'ultima settimana sono state registrate intense nevicate su tutti i settori dell'arco alpino occidentali, con una quota neve che si è attestata attorno ai 1000-1200m. I nuovi apporti nevosi, compresi tra 80 e 140cm ai 2000m, hanno ulteriormente aumentato lo spessore del manto nevoso, che attualmente in tutta la regione presenta valori decisamente al di sopra della media stagionale. La nuova nevicata è stata accompagnata da forti venti dai quadranti meridionali, determinando il rimodellamento del manto nevoso e la formazione di accumuli anche di grandi dimensioni su tutte le esposizioni. Il grado di pericolo valanghe è salito al grado forte 4 su tutta la regione. La neve recente, complice anche l'incremento delle temperature, è andata rapidamente incontro ad umidificazione ed appesantimento, diventando estremamente instabile e generando una diffusa attività valanghiva spontanea. In alcuni casi le valanghe, anche di grandi dimensioni, hanno interessato la viabilità principale, determinando la chiusura di numerose strade e isolando alcune frazioni. Nei prossimi giorni il perdurare di temperature superiori alla media manterrà condizioni di forte instabilità nel manto nevoso, soprattutto nelle ore centrali della giornata. Attenzione: la dinamica delle valanghe di tipo primaverile, con neve umida e pesante, può determinare il coinvolgimento, quali zone di scorrimento ed accumulo, di aree caratterizzate da scarsa pendenza e situate ad una quota inferiore al limite della copertura nevosa. Le attività in ambiente innevato devono essere fortemente limitate, evitando le ore più calde della giornata e ponendo particolare attenzione nell'attraversamento di canaloni ed impluvi.
Immagine  news
Immagine  news