Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
   Mappe neve
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2019


08/02/2019


CICLONE MEDITERRANEO VAIA. RICOGNIZIONI AEREE DI ESPERTI METEOMONT - ARPAV PER MONITORARE IL NUOVO PERICOLO VALANGHE NELLE VASTE AREE BOSCATE DEL BELLUNESE SCHIANTATE DAI VENTI.

Le nevicate del fine settimana scorso hanno comportato l'emanazione della prima Allerta Arancione da parte del CFD della Protezione Civile Regionale, con particolare rilievo per le nuove aree a rischio valanghivo createsi nelle zone boschive schiantate dagli eventi meteorici di fine ottobre 2018, conosciuti come Ciclone Mediterraneo VAIA. Tali aree sono oggetto di un programma di monitoraggio del Rischio Valanghivo predisposto dai tecnici ARPA del Centro Valanghe di Arabba in collaborazione con il METEOMONT CARABINIERI che hanno effettuato delle ricognizioni aeree in collaborazione il Nucleo Elicotteri dei Carabinieri di Belluno. Sono state individuate 86 zone a rischio, in 20 comuni tra le provincie di Belluno e di Asiago, di cui 50 sono state inserite in una prima fase di monitoraggio che č entrato in funzione proprio durante le nevicate del fine settimana 1-3 febbraio u.s. Il sorvolo di tali zone tramite volo di elicottero diventa uno strumento essenziale al fine di migliorare le operazioni monitoraggio su queste 50 aree di prima fase e pianificare le operazioni per le ulteriori 36 aree oggetto della seconda fase. L'impegno dell'Arma dei Carabinieri tramite i militari costantemente sul territorio e le sue articolazioni specializzate quali il Nucleo Elicotteri e il Servizio Meteomont, va ad agire in sinergia con le strutture della Regione Veneto quali ARPA Centro Valanghe di Arabba e con i volontari del Soccorso Alpino, per aumentare la sicurezza dei cittadini e fornire agli organi di protezione civile i supporti decisionali necessari alla tutela della popolazione, del territorio e delle infrastrutture.-
Immagine  news
Immagine  news