Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Avalanche Cartography
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
Activities
   Personnel Training
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   Typical avalanche problems
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   EAWS documentation
   ISSW documentation
   Useful Information for off-piste activities
   News Archive
   Videogallery
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Dicembre - 2013


30/12/2013


SICUREZZA IN MONTAGNA: E' "MARCATO" IL PERICOLO VALANGHE IN VENETO, TRENTINO, VALLE D'AOSTA E FRIULI VENEZIA GIULIA. RESTA "FORTE" IN ALCUNE ZONE DEL PIEMONTE E DELLA LOMBARDIA

Il pericolo valanghe Ŕ MARCATO nelle aree montane del Veneto, del Trentino Alto Adige, della Valle D'Aosta, del Friuli Venezia Giulia, mentre resta FORTE in alcune zone del Piemonte e sulle Alpi Retiche ed Orobiche in Lombardia, per probabili distacchi di valanghe spontanee o provocate da un debole sovraccarico. In Trentino Alto Adige permane una situazione di instabilitÓ del manto nevoso, il quale si presenta con un debole e moderato consolidamento su molti pendii ripidi oltre i 1.400 metri e in tutte le esposizioni. In Piemonte sulle Alpi Marittime e Liguri il livello del pericolo valanghe Ŕ MARCATO, mentre resta FORTE sul restante settore, con la tendenza del pericolo in aumento su Alpi Marittime e Liguri. In Lombardia sulle Prealpi Lombarde il pericolo Ŕ MARCATO, ancora FORTE, invece, su Alpi Retiche ed Orobiche.
Immagine  news
Immagine  news