Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Avalanche Cartography
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
Activities
   Personnel Training
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   Typical avalanche problems
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   EAWS documentation
   ISSW documentation
   Useful Information for off-piste activities
   News Archive
   Videogallery
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Novembre - 2016


25/11/2016


Nevicata eccezionale sulle alpi piemontesi

La perturbazione che ha arrecato notevoli disagi e danni nel basso piemonte ha apportato quantitativi molto consistenti di neve in quota. La quota neve č fortunatamente scesa intorno ai 1600 - 1800 metri di quota, evitando guai peggiori a valle, e fino ai 2000-2200 metri di quota la neve č molto pesante e i quantitativi si aggirano sui 60 - 80 cm. A quote superiori i quantitativi sono ragguardevoli: Alpi Lepontine a 2400 metri sono presenti 115 cm. di neve; zona Monte Rosa a 2900 merti sono presenti 230 cm di neve; Alpi Graie a 2600 metri sono presenti 260 cm. di neve; Alpi Cozie Nord a 2800 metri sono presenti 170 cm. di neve; Alpi Cozie Sud a 2600 metri sono presenti 125 cm. di neve; Alpi Marittime a 2100 metri sono presenti 90 cm. di neve. E' prevedibile che inizi giā dalle prossime ore una attivitā valanghiva spontanea a tutte le esposizioni oltre i 2200 - 2400 metri di quota, che possono successivamente interessare quote minori. I forti venti da sud-est in quota hanno rimaneggiato il manto nevoso, creando grandi accumuli si neve soffice in corrispondenza delle creste d'alta quota. (foto Sestriere - Val Chisone)
Immagine  news
Immagine  news