Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Avalanche Cartography
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
Activities
   Personnel Training
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   Typical avalanche problems
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   EAWS documentation
   ISSW documentation
   Useful Information for off-piste activities
   News Archive
   Videogallery
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Dicembre - 2016


21/12/2016


LIGURIA - PIU' DI 50 cm DI NEVE FRESCA IN 48 ORE

Con la forte perturbazione che ha portato neve in buona parte del nord-ovest di Italia, è iniziata l'attività di rilevamento meteonivometrico del Servizio Meteomont del Corpo Forestale dello Stato nel settore settentrionale-tirrenico. Anche la Liguria, con la sua particolare climatologia e morfologia che vede mare e montagne in stretta connessione, è stata fortemente interessata dalle precipitazioni a carattere nevoso soprattutto nelle zone a ridosso con il Piemonte. Sulle Alpi liguri, nel comune di Mendatica (IM) località Monesi a quota 1300 m, sono stati misurati tra i 50 ed i 60 cm di neve. Sull'Appennino ligure in provincia di Savona, località Alberola del comune di Sassello, registrati 47 cm di neve intorno ai 1000 m di quota. L'intera coltre nevosa si è depositata al suolo in appena due giorni. Il rialzo termico che ne è seguito, ha accellerato i processi di metamorfismo distruttivo, appesantendo gli strati più superficiali. Porre attenzione nella valutazione dei singoli pendii in quanto le nevicate hanno interessato valli e versanti con quantitativi diversi e nelle ultime 12 ore c'è stata un'intensa attività eolica.
Immagine  news
Immagine  news