Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Avalanche Cartography
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
Activities
   Personnel Training
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   Typical avalanche problems
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   EAWS documentation
   ISSW documentation
   Useful Information for off-piste activities
   News Archive
   Videogallery
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2019


17/04/2019


NEVE NUOVA SULLA MAIELLA

L'ultima perturbazione che ha interessato il Settore "Grandi massicci Appennici e Appennino Abruzzese" è stata per lo più piovosa, con spolverate di neve alle quote medie ed apporti trascurabili alle quote apicali. Fa eccezione la Maiella, su cui sono caduti più di 20 cm di neve già oltre i 1500 metri di quota. Neve nuova risultata bagnata e instabile, tanto da determinare, durante la precipitazione e nelle ore immediatamente successive, un'attività valanghiva spontanea in diverse "rave" della porzione occidentale della montagna. Un rilievo itinerante svolto in data odierna dal Servizio Meteomont in località "Rava del Ferro", con una stratigrafia completa effettuata a quota 2500 m.s.l..m., ha permesso di constatare che la neve nuova si sta velocemente "uniformando" al manto preesistente, assumendo caratteristiche "primaverili". Tuttavia occorre prestare attenzione perché i recenti apporti, considerato il rialzo termico in atto, potrebbero localmente tornare ad essere instabili.
Immagine  news
Immagine  news