Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Mapping of Avalanches
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
   Snow maps
Activities
   First Aid and Surveillance Service on the slopes
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   Useful Information for off-piste activities
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Giugno - 2019


17/06/2019


ALPI RETICHE: PERICOLO VALANGHE IN ALTA QUOTA

Sebbene il clima e il calendario parlino di estate, sulle cime di Alpi Retiche ed Orobiche, oltre i 2200-2500 metri di quota, permangono condizioni tardo primaverili, con presenza di importanti accumuli di neve. L'irraggiamento diurno e lo scarso rigelo notturno, con zero termico oltre i 3000 metri di quota, causano instabilitÓ del manto nevoso, che tende a bagnarsi e perdere coesione, con possibili valanghe spontanee o provocate giÓ con un debole sovraccarico, come verificatosi domenica 16 giugno sul versante nord del S.Matteo in Alta Valtellina (SO), dove una valanga ha coinvolto tre scialpinisti. Foto 1 - Il Passo Stelvio ricoperto dalla neve. Foto 2 - Versanti innevati a quota 2500 m al Passo Stelvio.
Immagine  news
Immagine  news