Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SNOW AND AVALANCHE FORECAST NATIONAL SERVICE italian french german english spagnolo russian
   
About us
   Carabinieri
Partners
   Meteo service AM (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Alpine Command Troops (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Meteomont Service Carabinieri
Products
   Avalanche danger Synthesis
   Weather and Snow bulletin
   Manual weather stations data
   Automatic weather stations data
   Weather forecast
   Avalanche Cartography
   Current snowfall
   High altitude observations
   Historical Archive
   Snow profile
   Snow and weather Reports
Activities
   Personnel Training
Meteomont Informs
   Meteomont Bulletin Guide
   Typical avalanche problems
   European Avalanche DangerScale
   Avalanche Accidents
   EAWS documentation
   ISSW documentation
   Useful Information for off-piste activities
   News Archive
   Videogallery
   Dodecalogue rules for skier
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Marzo - 2019


11/03/2019


ALPI LIGURI MARITTIME - CRISTALLI A CALICE NEL MANTO NEVOSO

Nel sotto-settore delle Alpi Liguri Marittime per tutto l'inverno è stata riscontrata la presenza di cristalli a calice all'interno del manto nevoso nei versanti esposti a nord. Durante le ultime settimane le temperature registrate sono state tipicamente primaverili ed anche di notte i fenomeni di rigelo si sono rallentati. Nonostante tutto, ieri, durante i rilievi meteonivometrici effettuati dagli Esperti Neve e Valanghe intorno ai 2100 m nei pressi della Cima Redentore poco distante dal Monte Saccarello, analizzando un profilo stratigrafico è stata riscontrata la presenza di uno strato basale di circa 20 cm composto da cristalli a calice, asciutti e a debole coesione. Lo spessore del manto nevoso era di 90 cm con una sottile crosta da fusione/rigelo non portante. Nel sotto-settore delle Alpi Liguri Marittime la neve è ancora presente principalmente nei versanti esposti ai quadranti nord orientali nei comprensori montani del Monte Frontè - Monte Saccarello ed in quello del Monte Grai - Cima Marta. In caso di escursione è pertanto necessario utilizzare abbigliamento ed attrezzatura adatta all'ambiente innevato portando sempre il kit per l'autosoccorso pala, A.R.T.V.A. e sonda. (Foto1 cristalli a calice e forme sfaccettate - Foto2 Cima Redentore).
Immagine  news
Immagine  news


 

07/03/2019


IMMAGINA IL TUO FIOCCO DI NEVE

Giornata di attività didattico-educativa svolta dal personale Esperto e Previsore Valanghe del Veneto presso le scuole elementari di Montorio Verona. Quasi 180 ragazzi della scuola Primaria Cesare Betteloni hanno potuto apprezzare e vedere le attività svolte dal personale specializzato METEOMONT. Sono stati suddivisi in gruppi di 2 classi per ogni ora ed invitati ad elaborare un pensiero/disegno su quanto proposto. Particolarmente apprezzato l'intervento che ha stimolato i ragazzi ad approfondimenti, alcuni dei quali soddisfatti immediatamente ed altri tenuti in considerazione per ulteriori incontri che sono stati richiesti. Molto gradito vedere i CARABINIERI come professionisti esperti anche in attività di sicurezza in montagna e di Protezione Civile.
Immagine  news
Immagine  news


 

03/03/2019


APPENNINO LAZIALE TIRRENICO - RILIEVI ITINERANTI

Continua l'attività di rilevamento dei nuclei itineranti formati da personale Esperto Neve e Valanghe; nella giornata odierna gli stessi hanno raggiunto quota 2000 metri slm nella Valle della Meta - Terminillo in provincia di Rieti. Durante il rilievo è stato analizzato il manto nevoso dove è emerso che il forte vento dei giorni precedenti ha ridistribuito in maniera irregolare la coltre nevosa. La neve è presente in maniera continua con spessori variabili (da un minimo di 60 cm a un max di 200 cm), la superficie è molto irregolare, si alternano croste da vento portati e non portanti a zone di neve accumulata umida e a debole coesione. Nelle zone con maggiore accumulo e nei pendii più ripidi, causa le alte temperature e l'irraggiamento diurno potranno far aumentare il grado del pericolo, per tale situazione si consiglia di evitare le attività sci alpinistiche nelle ore centrali della giornata.
Immagine  news
Immagine  news