Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Giugno - 2019


17/06/2019


ALPI RETICHE: PERICOLO VALANGHE IN ALTA QUOTA

Sebbene il clima e il calendario parlino di estate, sulle cime di Alpi Retiche ed Orobiche, oltre i 2200-2500 metri di quota, permangono condizioni tardo primaverili, con presenza di importanti accumuli di neve. L'irraggiamento diurno e lo scarso rigelo notturno, con zero termico oltre i 3000 metri di quota, causano instabilitÓ del manto nevoso, che tende a bagnarsi e perdere coesione, con possibili valanghe spontanee o provocate giÓ con un debole sovraccarico, come verificatosi domenica 16 giugno sul versante nord del S.Matteo in Alta Valtellina (SO), dove una valanga ha coinvolto tre scialpinisti. Foto 1 - Il Passo Stelvio ricoperto dalla neve. Foto 2 - Versanti innevati a quota 2500 m al Passo Stelvio.
Immagine  news
Immagine  news