Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2014


12/02/2014


EMERGENZA NEVE AL NORD-EST. MONITORAGGIO STRAORDINARIO ED ESERCITAZIONE CONGIUNTA DI SOCCORSO IN VALANGA

Dolomiti Settentrionali, 12-13 febbraio 2014. Nei primi giorni di sole e di bel tempo, dopo il lungo periodo di nevicate intense che hanno interessato tutto il nord-est dell'Italia, è stato possibile garantire in quota per la prima volta attività di monitoraggio delle condizioni di stabilità del manto nevoso. Sia nelle stazioni di rilevamento fisse che in quelle itineranti e con ricognizioni aeree è stato infatti possibile verificare le condizioni dell'elevato ed esteso innevamento in quota, lungo le creste e le cime, gli anfiteatri, conche e canaloni. Tali attività hanno confermato la presenza di elevati ed estesi accumuli di neve, oltre anche i 5 metri di spessore, una intensa attività eolica con trasporto e formazione di grandi cornici ed accumuli di neve ventata, più in basso numerose fratture e crepe, diffusi distacchi di valanghe a lastroni ed a debole coesione di fondo, fessurazioni a "bocca di balena", tutti segnali della presenza di una estesa instabilità del manto nevoso (grado di pericolo forte 4). Nel comprensorio montano di Sappada (BL), a 2400 mslm, è stata contestualmente organizzata una esercitazione congiunta tra Soccorso Alpino, 118, Meteomont, Truppe Alpine e Corpo forestale, su test speditivi ed interventi in valanga, su pista e fuori pista.
Immagine  news
Immagine  news