Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Marzo - 2017


08/03/2017


Valanghe in Val d'Aosta: 4 morti e 6 feriti

E' drammatico il bilancio delle due valanghe che si sono verificate nella scorsa settimana in val d'aosta; 4 morti e 6 feriti di cui uno in gravissime condizioni. Il forte rialzo termico associato alle ultime precipitazioni nevose che sono avvenute in condizioni di forte vento da Nord-Ovest, sono state le cause principali di una ripresa dell'attività valanghiva, che nell'area in questione era stata prevista. Il grado di pericolo valanghe era infatti "marcato 3" con tendenza al rialzo, in una scala da 1 a 5. Le nuove precipitazioni nevose hanno ulteriormente aumentato il rischio di distacco di nuove valanghe, anche di grandi dimensioni. Il pericolo valanghe è ora "forte 4" e le attività fuoripista sono notevolmente limitate e richiedono una grande capacità di valutazione del pericolo locale. (foto www.lastampa.it)
Immagine  news
Immagine  news