Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Gennaio - 2018


23/01/2018


ABRUZZO: ATTIVAZIONE STRAORDINARIA DEL NUCLEO ITINERANTE DI RILEVAMENTO.

Domenica 21 gennaio 2018 è stato attivato il Nucleo di rilevamento itinerante competente per l'area dell'Alto Sangro per effettuare un sopralluogo sul sito dove, nella scorsa giornata di sabato, due sciatori sono stati travolti da una valanga. L'incidente è avvenuto poco dopo le 13:00 su un pendio esposto ad EST del crinale denominato "Toppe del Tesoro", fra i 2100 e 1950 m. di quota, dove i due sono saliti utilizzando gli impianti dell'Aremogna (Roccaraso - AQ) e percorrendo poi un tratto a piedi per raggiungere l'attacco del pendio prescelto per la discesa. Il peso e le evoluzioni dei due sciatori sul pendio, posto immediatamente sotto un crinale e oggetto di accumulo eolico negli scorsi giorni, sono stati sufficienti a sollecitare un sottostante strato debole e a causare la rottura di una successione di lastre da vento dello spessore totale di circa 50 cm. La prossimità con l'area servita dagli impianti sciistici e la velocità nelle operazioni di soccorso hanno evitato il peggio e i due travolti sono stati tratti in salvo. Il sopralluogo nonostante le avverse condizioni meteorologiche è stato condotto in corrispondenza della linea di distacco del lastrone e a meno di 24h dell'incidente, in modo da poter osservare una situazione minimamente modificata rispetto a quando l'evento si è verificato; è stata osservata sia la struttura del manto nevoso che la sua resistenza e capacità di propagazione della frattura.
Immagine  news
Immagine  news