Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2018


23/02/2018


MONITORAGGIO DEL PERICOLO VALANGHE E ANALISI DEL MANTO NEVOSO NELL'APPENNINO TOSCANO.

Si è svolto oggi sul versante orientale del Monte Gomito, nel comprensorio sciistico di Abetone a quota 1870 mslm, una particolare attività di monitoraggio ed analisi della stabilità della copertura nevosa da parte del personale esperto, in seguito ad una valanga spontanea staccatasi a causa del forte sovraccarico, provocato dal cedimento di una estesa cornice da vento soprastante il versante ricoperto da circa due metri e mezzo di neve che, scivolando verso valle, ha originato una valanga di medie dimensioni. I test condotti in loco dai Carabinieri Forestali hanno evidenziato come l'intensa azione eolica degli ultimi giorni abbinata a ripetute precipitazioni nevose abbia consentito una veloce e diffusa redistribuzione al suolo della neve fresca che si è così organizzata in ampie e pronunciate cornici lungo creste e crinali ed in altrettanti depositi e accumuli nei versanti sottovento. Per le attuali condizioni tipicamente invernali si confermano di fondamentale importanza preparazione fisica, capacità di utilizzo dei dispositivi di sicurezza che devono sempre corredare lo zaino al seguito e la consultazione del bollettino.
Immagine  news
Immagine  news