Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2018


21/04/2018


DOLOMITI SETTENTRIONALI - MONITORAGGIO AEREO ATTIVITA' VALANGHIVA

Nella giornata del 20 aprile, il personale del Centro Settore Meteomont CC Forestali del Veneto, unitamente ad un tecnico dell'ARPA Veneto del Centro Valanghe di Arabba (BL), ha provveduto ad effettuare un sopralluogo aereo sull'area Dolomitica al fine di verificarne la situazione valanghiva . Il sorvolo è stato effettuato grazie all'impiego di un elicottero A109 del 14° N.E.C. di stanza a Belluno. La stagione invernale, ormai in chiusura, ha portato abbondanti precipitazione nevose su tutta l'area della montagna veneta, creando localmente situazioni anomale per quanto riguarda l'attività valanghiva. L'alternanza di fenomeni meteorologici vari, nevicate, pioggia, vento, gelate improvvise, ha determinato la formazione di un manto nevoso fortemente diversificato in funzione della quota e delle esposizioni, tanto da rendere possibile il distacco spontaneo di valanghe anche in siti inusuali. Scopo della ricognizione quindi, è stato il monitoraggio dei consueti siti valanghivi già noti e censiti nella apposita cartografia, e verifica degli eventuali nuovi siti, con un occhio di riguardo a strade ed infrastrutture nell'ottica della pianificazione e gestione del territorio. Particolare riguardo è stato posto in quelle aree che saranno interessate da lavori di ammodernamento e costruzione di nuovi impianti sciistici, prima fra tutte l'area delle Tofane di Cortina d'Ampezzo, sede delle competizioni per i Campionati Mondiali di Sci Alpino del 2021. Il sorvolo aereo ha reso così possibile una dettagliata verifica della situazione al fine della stesura di una relazione che verrà messa a disposizione degli organi competenti in materia di pianificazione territoriale.
Immagine  news
Immagine  news