Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Maggio - 2018


14/05/2018


FORTE ONDATA TEMPORALESCA SULL'ARCO ALPINO OCCIDENTALE CON NEVE A BASSA QUOTA E GRANDINATE SULLE ZONE DI PIANURA.

Una forte perturbazione, accompagnata da aria fredda di origine atlantica, ha investito tutto l'arco alpino occidentale, apportando nuove precipitazioni nevose a bassa quota sui rilievi. Sulle pianure si sono verificati episodi con forti grandinate, soprattutto nel cuneese, nella zona delle basse valli Grana e Maira, dove in pochi minuti si sono accumulati fino a 15 cm di grandine. La quota neve si è attestata sui 1400-1600 m s.l.m sui settori meridionali, a quote leggermente superiori sui restanti settori. Gli apporti nevosi variano tra i 15 e i 40 cm. Le precipitazioni hanno determinato la formazione di strati irregolari e rimaneggiati dall'azione eolica. Tali strati inglobano spesso cristalli di neve denominati "neve pallottolare" (vedi foto), ossia piccole sfere di neve brinata e pressata. La forma tondeggiante di tali cristalli fa si che si leghino debolmente con gli strati nevosi sottostanti e, in caso di successive nevicate che li ricoprono, possono favorire lo scorrimento degli strati superiori, costituendo un piano di scivolamento preferenziale per le valanghe. Per tutti gli aggiornamenti si consiglia di consultare il bollettino Meteomont sul sito www.meteomont.gov.it.
Immagine  news