Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2019


04/02/2019


ALPI LIGURI MARITTIME - ATTIVITA' DI RILEVAMENTO DOPO LE RECENTI NEVICATE

Dopo più di un mese senza precipitazioni a carattere nevoso di rilievo, nei giorni scorsi sono state registrate delle nevicate di moderata intensità. Sono pertanto stati eseguiti dei rilevamenti in alta quota nel comprensorio del Monte Frontè-Monte Saccarello, in provincia di Imperia al confine con Piemonte e Francia. Evidenti i segni dell'attività eolica associata alle precipitazioni che ha contribuito alla formazione di cornici sulle creste, locali accumuli dove sono stati avvertiti anche i caratteristici "whumps" al passaggio del singolo sciatore e fenomeni di galaverna. Nelle zone sottovento, in prossimità dei crinali, intorno ai 2050 m di quota, la neve misurata al suolo ha raggiunto i 140 cm di spessore. Negli strati superficiali composti dalla neve fresca sono stati segnalati cristalli di precipitazione di neve granulosa o pallottolare. La presenza di cristalli angolari e a calice negli strati più interni del vecchio manto nevoso rappresenta un potenziale strato debole persistente da tenere in attenta considerazione nella valutazione del singolo pendio per la scelta dell'itinerario da intraprendere.
Immagine  news
Immagine  news