Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Dicembre - 2015


30/12/2015


ARRIVA FREDDO E NEVE

Finalmente è finito il periodo meteorologico anomalo di questo primo inverno, caratterizzato da temperature miti, ben al di sopra del periodo, ed assenza di precipitazioni, ben al di sotto della media del periodo, dovuto alla presenza di una alta pressione che ha dominato per lungo tempo l'area del mediterraneo e del nord Europa. Un susseguirsi di anticicloni che hanno impedito l'ingresso fino ad oggi di masse d'aria più fredde ed umida, e quindi la consueta comparsa della neve sulle nostre montagne. Sono arrivate le prime nevicate, anche se di debole intensità (Foto 1 - appennino laziale) ed i primi importanti cali della temperatura al di sotto lo zero, che avviano un periodo, se pure breve, di generale e diffuso mal tempo sul nostro paese, con l'arrivo di freddo, neve, vento e, ovviamente, l'aumento del pericolo valanghe, tutto questo per i primi giorni dell'anno nuovo. I fenomeni interesseranno soprattutto il centro-nord, in particolare, i quantitativi più significativi, se pur sempre di modesta intensità, le Alpi centrali e del nord-ovest a ridosso del confine e l'Appennino centro-settentrionale.
Immagine  news