Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICIO NACIONAL DE PREDICCIÒN NIEVE Y ALUDES italian french german english spagnolo russian
   
Quiénes somos
   Carabinieri
Partners
   Servicio de Meteorología de la Aeronáutica Militar (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Tropas Alpinas (CTA)
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organización
   Meteomont – Servicio de Carabinieri
Productos
   Síntesis del peligro de aludes
   Boletín meteonivológico
   Datos estaciones manuales
   Datos estaciones automáticas
   Predicciones meteo
   Cartografía de aludes
   Nevadas presentes
   Observaciones de gran altura
   Archivo Histórico
   Perfil de nieve
   Balances meteonivológicos
Las actividades
   La formación del personal
Meteomont Informa
   Guía Boletín Meteomont
   Problemas típicos de aludes
   La Escala del Peligro
   Accidentes en aludes
   Documentación EAWS
   Documentación ISSW
   Consejos útiles
   Archivo de noticias
   Videogallery
   El dodecálogo del esquiador
La montagna in sicurezza
  Estás en Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Settembre - 2008


28/09/2008


Prima diffusa nevicata sul Gran Sasso.

Centro Settore Meteomont - L'Aquila. Con l'abbassamento delle temperature registrato in questa ultima settimana di settembre è arrivata anche la prima neve sui rilievi più alti dell'Appennino abruzzese. Su tutta la catena del gran sasso a partire dai 1700 mslm si è infatti registrata una diffusa ma debole nevicata che ha imbiancato i rilievi fornendo una veste autunno-invernale a tutto il comprensorio. I rialzi termici dei giorni successivi hanno elevato e stabilizzato la quota di permanenza della neve sui 220-2400 mslm. La vetta più alta dell'appennino, con il ghiacciaio più meridionale d'Europa, torna con la neve a far ben sperare gli appassionati di sci, sci-alpinismo e di escursionismo invernale, gli operatori del settore, ma anche chi è chiamato a gestire le riserve idriche della regione, alle quali un importante contributo viene proprio fornito dalla fusione delle nevi. Che rappresentano pertanto una importante risorsa turistica, economica ma anche idrica ed ambientale, a favore dello sviluppo economico e sociale delle aree montane e non solo. Ben tornata neve.
Immagine  news