Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2016


07/02/2016


DIFFUSE MODERATE NEVICATE SULLE ALPI PRECEDUTE DA VENTI MOLTO FORTI. AUMENTO SIGNIFICATIVO DEL PERICOLO VALANGHE.

Registrate sulle Alpi diffuse moderate nevicate nelle ultime 24 ore che, associate a vento molto forte dei giorni precedenti, dove presenti strati preesistenti di neve vecchia e ventata determinano un aumento diffuso e significativo del pericolo valanghe a MARCATO 3, localmente anche PERICOLO FORTE 4, per probabili valanghe spontanee anche di medie e grandi dimensioni. Le condizioni meteorologiche di questo primo periodo dell'anno nuovo, che vede solo ora registrare le prime importanti nevicate della stagione invernale in corso, associate ad un vento forte dei giorni precedenti e ad un regime termico altalenante, che ha visto anche un aumento delle temperature con pioggia in quota, con le nevicate delle ultime ore, favoriscono l'attuale instabilità del manto nevoso e contribuiscono ad aumentare il pericolo valanghe su tutto l'arco alpino a MARCATO 3, localmente anche FORTE 4, con pericolo di distacchi anche spontanei e di grandi dimensioni, dovuto alla presenza di importanti accumuli di neve fresca che sovraccarica strati di neve ventata sopra strati di neve vecchia preesistente e croste da fusione e rigelo inglobate.
Immagine  news
Immagine  news