Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2018


16/02/2018


PIEMONTE - VAL PELLICE - MUORE SCIALPINISTA TRAVOLTO DA UNA VALANGA.

Uno scialpinista di 41 anni è morto lunedì 12 febbraio 2018 travolto da una valanga. Il corpo è stato recuperato dall'eliambulanza del 118. Sul posto anche una squadra di esperti neve e valanghe del Servizio Meteomont dei Carabinieri che hanno ricostruito la dinamica dei fatti. Lo sfortunato scilpinista stava risalendo il crinale esposto a nord che porta alla Punta Piattina (1937 mt.), in alta Val d'Angrogna, dove le ultime giornate ventose avevano scoperto i vecchi accumuli da vento molto duri, compattando la neve dell'ultima nevicata in corrispondenza del cambio di esposizione del crinale e generando un lastrone più soffice sul versante esposto a est. Sollecitato sul cambio di esposizione, il nuovo lastrone ha ceduto proprio in corrispondenza di una vecchia cornice mascherata dal nuovo lastrone. La frattura si è propagata per una settantina di metri facendo scivolare tutta la neve recente sul vecchio lastrone molto compatto. Lo scialpinista è precipitato per oltre 300 metri e non ha avuto scampo.
Immagine  news
Immagine  news