Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2018


27/02/2018


VALUTAZIONE DELLA STABILITA' DEL MANTO NEVOSO SULL'ARCO ALPINO PIEMONTESE.

L'attuale recrudescenza dei fenomeni meteonivologici, che richiede un particolare impegno da parte del personale osservatore ed esperto addetto al monitoraggio alle medie ed alte quote, impone una costante attività di monitoraggio della stabilità del manto nevoso, soggetto ad una continua evoluzione. Le precipitazione nevose dei giorni scorsi, abbondanti nei settori delle Alpi Marittime e delle Alpi Liguri, assieme ad una intensa azione eolica ha comportato una veloce e diffusa redistribuzione al suolo della neve fresca. Si riscontrano pertanto estesi depositi ed accumuli nei versanti e nei canali sottovento e di pronunciate cornici lungo creste e crinali. Le attuali condizioni tipicamente invernali con temperature molto rigide richiedono agli escursionisti e agli scialpinisti una adeguata preparazione fisica e una buona capacità di valutazione dei pendii da affrontare. Si ricorda l'obbligo di portare al seguito, oltre alla normale dotazione alpinistica, i dispositivi di sicurezza (ARTVA, Pala e Sonda). Si consiglia sempre la consultazione del bollettino e una accurata programmazione e organizzazione delle uscite .
Immagine  news
Immagine  news