Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Marzo - 2018


27/03/2018


PIEMONTE - SCIALPINISTA MORTO NEL 2015, CONDANNATE DUE GUIDE ALPINE

Uno sciatore inglese morì nel febbraio del 2015 a seguito di un incidente in valanga su un fuori pista nel comprensorio sciistico di Argentera, in Alta Valle Stura. Era un cliente, assieme ad altri 8 connazionali, di due guide alpine francesi, che sono stati ora condannati per omicidio e disastro colposo. Hanno patteggiato la pena dopo aver integralmente risarcito i famigliari della vittima. Le indagini, coordinate dal PM Dr.ssa Pittaluga, furono eseguite dalla locale stazione dei Carabinieri, supportati per gli aspetti tecnici dal Servizio Meteomont dell'allora Corpo Forestale dello Stato, ora confluito nell'Arma dei Carabinieri. Nella Perizia Tecnica veniva evidenziato come fu imprudente condurre un gruppo di sciatori fuori pista in un pendio seppur boscato ma estremamente ripido, in una giornata in cui i bollettini valanghe prevedevano un grado 4 - forte su una scala di 5. Nell'incidente rimasero coinvolti 8 sciatori di cui 7 praticamente illesi, mentre l'unico infortunato morì poche ore dopo l'incidente per le lesioni riportate a causa dell'impatto contro un albero.
Immagine  news
Immagine  news