Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE- UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
   Schneekarten
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   Dokumentations ISSW
   Nützliche Tipps
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Maggio - 2018


14/05/2018


FORTE ONDATA TEMPORALESCA SULL'ARCO ALPINO OCCIDENTALE CON NEVE A BASSA QUOTA E GRANDINATE SULLE ZONE DI PIANURA.

Una forte perturbazione, accompagnata da aria fredda di origine atlantica, ha investito tutto l'arco alpino occidentale, apportando nuove precipitazioni nevose a bassa quota sui rilievi. Sulle pianure si sono verificati episodi con forti grandinate, soprattutto nel cuneese, nella zona delle basse valli Grana e Maira, dove in pochi minuti si sono accumulati fino a 15 cm di grandine. La quota neve si è attestata sui 1400-1600 m s.l.m sui settori meridionali, a quote leggermente superiori sui restanti settori. Gli apporti nevosi variano tra i 15 e i 40 cm. Le precipitazioni hanno determinato la formazione di strati irregolari e rimaneggiati dall'azione eolica. Tali strati inglobano spesso cristalli di neve denominati "neve pallottolare" (vedi foto), ossia piccole sfere di neve brinata e pressata. La forma tondeggiante di tali cristalli fa si che si leghino debolmente con gli strati nevosi sottostanti e, in caso di successive nevicate che li ricoprono, possono favorire lo scorrimento degli strati superiori, costituendo un piano di scivolamento preferenziale per le valanghe. Per tutti gli aggiornamenti si consiglia di consultare il bollettino Meteomont sul sito www.meteomont.gov.it.
Immagine  news