Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Gennaio - 2020


30/01/2020


POCA NEVE SULL'APPENNINO UMBRO-MARCHIGIANO

Ormai prossimi al giro di boa dell?inverno, bisogna prendere atto della scarsità di neve sull'Appennino Umbro-Marchigiano. Se tra dicembre e gennaio della scorsa stagione, a 1500m, si è potuto contare su spessori variabili da 20 a 50 cm, nell'analogo periodo 2019-2020 la presenza di neve si può definire episodica e contenuta, nel migliore dei casi, in una decina di centimetri. Anche in quota le cose non sono rosee: la neve che ricopre i Sibillini appaga l'estetica dell'inverno con vette bianche dai 2000m in su ma con spessori generalmente diafani, che lasciano trasparire il suolo. Le acque provenienti dal discioglimento delle coltri nevose sono il maggior contribuente per le falde acquifere: con la pioggia, buona parte dell'acqua fluisce a valle scorrendo in superficie; il lento scioglimento del manto, invece, favorisce un maggiore assorbimento nel sottosuolo, ove sono i "depositi" che alimentano le fonti nella stagione calda. L'attuale stato delle cose porta ad interrogarsi seriamente sulle prospettive idriche della prossima stagione estiva. La poca neve ha anche comportato l'abbassamento del grado di pericolo ai livelli minimi della scala, tuttavia non sono mancati incidenti in montagna, come testimoniano le cronache degli ultimi tempi. Pare quindi opportuno dedicare alcune considerazioni all'argomento: - Il basso grado di pericolo valanghe non corrisponde ad assenza di pericolo: ricordiamo che pericolo "1 - debole", rispetto ai gradi superiori, riduce le cause e le localizzazioni di eventi valanghivi ma non li esclude; ritiene comunque possibili "piccole e medie valanghe spontanee". - Quello montano è ambiente di per sé pericoloso, indipendentemente dalla presenza o meno di neve; adottare le giuste precauzioni consente di mitigare e/o annullare gli effetti di eventuali episodi sfavorevoli, quindi ci vogliono preparazione, conoscenza del territorio, decisioni ed attrezzatura adeguata agli itinerari scelti; - La pericolosità intrinseca di un ambiente viene accentuata dalla presenza di neve, di pari passo devono essere accentuate le precauzioni di cui al punto precedente: calzature inidonee rendono ?certezza? il pericolo di scivolamento su neve, ghiacciata o meno; vestiario inadeguato espone a rischio di ipotermia ecc. In conclusione, speriamo che la coda dell'inverno ci dia scorte di acqua sufficiente per l'estate e che, in ogni caso, il desiderio di andare a "vedere" la neve da vicino sia sempre più accompagnato da consapevolezza e competenze adeguate. foto 1: panoramica ovest dei monti Sibillini foto 2: Cresta ovest dei monti Sibillini
Immagine  news
Immagine  news