Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Febbraio - 2020


21/02/2020


RILIEVI IN ALTA QUOTA SULLA MAIELLA

Nonostante le scarsissime precipitazioni nevose di quest'inverno, sul massiccio della Maiella la stagione scialpinistica è in atto. Nella giornata del 21 febbraio 2020 in località Fondo Maiella, a quota 2513 mt sul versante occidentale della montagna, una pattuglia di Carabinieri Forestali del Meteomont ha effettuato una stratigrafia completa , constatando che il manto nevoso, ben consolidato, è continuo e sufficiente per l'utilizzo dell'attrezzatura scialpinistica dai 1700 metri di quota. L'insidia maggiore è rappresentata dalla persistenza di zone ghiacciate che richiedono preparazione ed utilizzo di attrezzatura tecnica. I Carabinieri Forestali hanno riscontrato una notevole presenza di scialpinisti, provenienti da tutta l'Italia.
Immagine  news
Immagine  news


 

05/02/2020


INTENSA ATTIVITA' EOLICA - SETTORE LOMBARDO

Venti tempestosi e raffiche fino a 120 km/h sopra i 2000 metri hanno caratterizzato la giornata di ieri e di oggi, 5 Febbraio 2020. In quota l'attività eolica ha fortemente rimaneggiato il manto nevoso aumentando le dimensioni di lastroni, accumuli e cornici ed eroso ampie zone. I nuovi lastroni saranno facilmente sollecitabili e potranno causare valanghe di medie dimensioni sui settori alpini. La scarsa visibilità e le forti raffiche di vento, unitamente all'abbassamento delle temperature, limiteranno la sicurezza nella pratica delle attività outdoor.
Immagine  news
Immagine  news


 

05/02/2020


SETTORE VENETO - INTENSA ATTIVITA' EOLICA SU DOLOMITI E PREALPI.-

Venti tempestosi e raffiche oltre i 100 km/h non solo in quota ma anche nelle valli hanno caratterizzato la giornata di ieri nel Veneto. Questi venti tempestosi (A M.te Tognola si è registrata una punta massima di 170km/h) hanno causato interruzioni nei servizi di trasporto a fune e l'abbattimento di diverse piante. L'attività eolica ha rimaneggiato il manto nevoso con nuovi lastroni che saranno sollecitabili anche con debole sovraccarico. Si consiglia pertanto di leggere il bollettino valanghe, di predisporre gli itinerari con oculatezza e di valutare con attenzione tutti i pendii che si andranno ad affrontare durante le escursioni.-