Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Ottobre - 2020


15/10/2020


MONITORAGGIO PERICOLO VALANGHE SULLA MARMOLDA

Durante la giornata del 14 ottobre us, una pattuglia di Previsori del Servizio Meteomont del Centro Settore Meteomont hanno effettuato i rilievi per verificare lo stato del manto nevoso lungo gli itinerari di scialpinismo della Marmolada, molto frequentati in questo periodo dopo le nevicate del fine settimana del 9-11 ottobre. I rilievi sono stati effettuati in una zona nella quale sono stati individuati un paio di strati deboli tra cui uno molto sottile di neve pallottolare.
Immagine  news
Immagine  news


 

12/10/2020


EVENTI NEVOSI NELLE MONTAGNE DEL VENETO E DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Durante il fine settimana dal 09 all'11 ottobre le montagne del Veneto e del Friuli Venezia Giulia sono state investite da una intensa perturbazione originata da una depressione di matrice artica-atlantica e che è stata associata a venti dai quadranti orientali e da un netto calo termico. Tali condizioni hanno in particolare portato la neve ad imbiancare sia i sotto settori Alpi che quelli Prealpini di entrambe le regioni: la quota neve sulle Alpi si è posizionata tra i 1100 e i 1200 metri e si sono superati i 35-40 centimetri al suolo con punte di 50-55 cm. L'attuale dorsale anticiclonica sarà nuovamente interrotta da una nuova fase perturbata che avrà inizio nelle prossime 48-72 ore così come previsto dai modelli matematici meteorologici.
Immagine  news
Immagine  news