Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE
italiano francese tedesco inglese spagnolo russo
   
Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
   Mappe neve
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home > Meteomont Informa > Scala Europea del pericolo

La Scala Europea del pericolo valanghe

 
I bollettini Meteomont, che si basano su rilievi quotidiani, settimanali e quindicinali, effettuati dalle stazioni forestali e alpine dislocate lungo tutto l'arco alpino e la dorsale appenninica, contengono una valutazione del pericolo in linea con la Scala Europea del pericolo valanghe.

Si distinguono, infatti, cinque differenti categorie di pericolo di valanga ed a ognuna di esse viene associato il comportamento da osservare in considerazione del diverso livello di rischio.

  Icona Stabilità del manto nevoso   Probabilità di distacco di valanghe
 
  pericolo di grado 5 Il manto nevoso è in generale debolmente consolidato e per lo più instabile.   Sono da aspettarsi numerose valanghe spontanee molto grandi e spesso anche valanghe di dimensioni estreme, anche su terreno moderatamente ripido*.
 
  pericolo di grado 4 Il manto nevoso è debolmente consolidato sulla maggior parte dei pendii ripidi*.   Il distacco è probabile già con un debole sovraccarico** su molti pendii ripidi*. Talvolta sono da aspettarsi numerose valanghe spontanee di grandi dimensioni e spesso anche molto grandi.
 
  pericolo di grado 3 Il manto nevoso presenta un consolidamento da moderato a debole su molti pendii ripidi*.   Il distacco è possibile già con un debole sovraccarico** soprattutto sui pendii ripidi indicati*. Talvolta sono possibili alcune valanghe spontanee di grandi dimensioni e, in singoli casi, anche molto grandi.
 
  pericolo di grado 2 Il manto nevoso è solo moderatamente consolidato su alcuni pendii ripidi*, altrimenti è generalmente ben consolidato.   Il distacco è possibile principalmente con un forte sovraccarico**, soprattutto sui pendii ripidi* indicati. Non sono da aspettarsi valanghe spontanee molto grandi.
 
  pericolo di grado 1 Il manto nevoso è in generale ben consolidato e stabile.   Il distacco è generalmente possibile solo con forte sovraccarico** su pochissimi punti sul terreno ripido estremo*. Sono possibili solo piccole e medie valanghe spontanee.
 
  • * Le parti di terreno dove il pericolo è particolarmente pronunciato vengono descritte più dettagliatamente nel bollettino delle valanghe (ad es. quote, esposizione, forma del terreno ecc.).
    • terreno moderatamente ripido: pendii meno ripidi di circa 30 gradi
    • pendio ripido: pendii più ripidi di circa 30 gradi
    • terreno ripido estremo: particolarmente sfavorevole ad es. dal punto di vista di pendenza (più ripidi di circa 40 gradi), forma del terreno, prossimità alle creste o proprietà del suolo
 
  • ** Sovraccarico:
    • debole: sciatore o snowboarder che effettua curve dolci, che non cade; escursionista con racchette da neve; gruppo che rispetta le distanze di sicurezza (minimo 10 m)
    • forte: due o più sciatori o snowboarder che non rispettano le distanze di sicurezza mezzo battipista; esplosione
 
  • Spontaneo: senza l'intervento dell'uomo.